OSPITI |

 

Mauro Covacich                                                                            Abbandono • 21/09/2017 | h. 18:15

Scrittore

 

Mauro Covacich (Trieste, 1965) esordisce nel 1993 con Storie di pazzi e di normali, al quale seguono Colpo di Lama (Neri Pozza, 1995), Mal d'autobus (Tropea, 1997), Anomalie (Arnoldo Mondadori Editore, 1998, 2001), e La poetica dell'Unabomber (Theoria, 1999) che è una raccolta di reportage.

Nel 1999, in seguito a questi suoi primi lavori di narratore, l'Università di Vienna gli conferisce l'Abraham Woursell Prize, una borsa di studio triennale che gli consente di effettuare periodi di “writer in residence” in numerose università europee e statunitensi.

L'anno successivo esce il suo romanzo L'amore contro (Arnoldo Mondadori Editore, 2001), poi ripubblicato da Einaudi.

Con A perdifiato (Mondadori, 2003), inizia il cosiddetto "ciclo delle stelle". Si tratta di una pentalogia composta da altri tre romanzi: Fiona (Einaudi, 2005), Prima di sparire (Einaudi, 2008), e A nome tuo (Einaudi, 2011), intercalati dalla videoinstallazione L'umiliazione delle stelle, realizzata da Covacich nel 2010 e prodotta da Buziol-Einaudi-Magazzino d'Arte Moderna Roma 2010.

Covacich collabora dal 1998 col Corriere della Sera e con altre testate. Ha inoltre realizzato per la Rai alcuni radio documentari e il radiodramma Safari.

Nel 2013, dal romanzo A nome tuo sono stati ricavati un'omonima pièce teatrale di Cinzia Spanò, andata in scena al Teatro PimOff di Milano, e il film di Valeria Golino Miele, presentato con successo al festival di Cannes.

Nel 2015 la raccolta di racconti La sposa entra in cinquina finalista al Premio Strega e in terna al Premio Chiara, piazzandosi in ambedue i casi al secondo posto.

 

EVENTI

MANIFESTO

HOME

OSPITI

PRENOTAZIONI

CALENDARIO